Agire o aspettare? L’emblema della tecnologia

Domenica 6 novembre, terzo giorno della COY12 e finalmente partecipiamo alla conferenza “Alternative Agricolture” riguardante le problematiche legate alle riserve d’acqua in Marocco.

Nonostante lo sconforto iniziale nel vedere la sala praticamente vuota e il relatore parlare in francese, non ci siamo dati per vinti e siamo riusciti a trovare un traduttore che ci aiutasse a seguire la conferenza.

Il relatore, un dottorando dell’Università “IbnZohr” di Agadir, ha spiegato molto chiaramente l’importanza dell’acqua in Marocco. Qui il 7% delle risorse d’acqua vengono utilizzate dalle industrie mentre il restante 93%  viene impiegato nell’agricoltura.

L’acqua presente sul territorio marocchino è particolarmente salata, soprattutto al sud vicino alla costa atlantica, dove non ci sono elementi naturali come la neve, che drenano il sale, cosa che invece avviene al nord dove il territorio è montuoso.

Poiché la maggior parte d’acqua è utilizzata per l’irrigazione e le riserve sono scarse a causa degli elevati indici di evaporazione e della ridotta quantità di piogge, sono stati ideati sistemi di dissalazione molto efficaci per renderla adatta all’agricoltura e al consumo. Questa soluzione ci è parsa molto intelligente, ma da un professore universitario presente tra il pubblico è pervenuta la seguente osservazione: questi sistemi di dissalazione creano dei vapori che vanno ad aggiungersi ai gas serra in atmosfera, aumentando la temperatura sulla Terra e incrementando l’evaporazione dell’acqua, non risolvendo così il problema dell’insufficienza di quest’ultima. La soluzione da lui proposta è quella di piantare alberti, afforestare, per limitare l’evaporazione e non andare così a perturbare l’equilibrio naturale.

È stato curioso vedere come una soluzione, che a primo impatto ci sembrava assolutamente efficace, si è rivelata poi non completamente adatta, andando in parte a peggiorare la situazione. Un dubbio quindi ci rimane e non sappiamo bene risponderci: vale la pena buttarsi e tentare o aspettare e ponderare ogni singolo fattore?

Post correlato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *