Mongol Rally: Andiamo in Mongolia e, intanto, regaliamo soldi alla foresta pluviale

L’idea del rally nasce nel 2004 e prende ispirazione dalle avventure di due inglesi che, a scopo di beneficenza, hanno portato un’ambulanza fino in Mongolia dall’Inghilterra.  Negli anni a seguire, l’impresa è stata ripetuta con altri mezzi che poi venivano lasciati sul luogo di destinazione e si è pian piano il mongol rally si è trasformato in quello che è oggi. “The Adventurists” ha creato il brand e regolarizzato il tutto. È una manifestazione molto famosa per gli appassionati del genere: quest’anno i team saranno circa quattrocento!
Alessio e Anna parteciperanno con il nome di “Ciurma Mezzabotte” su una Fiat 500 Sporting gialla ricoperta dai nomi degli sponsor. Sono emozionati, ma non particolarmente preoccupati, – “bisogna tener conto del lato giocoso del rally” dicono, l’obiettivo è quello di viverlo il più possibile assaporando tutto.
Partiranno il 15 luglio, poco dopo la laurea di Anna, e torneranno agli inizi di ottobre dopo aver percorso tra andata e ritorno circa due terzi del globo terrestre. La partenza ufficiale è prevista da Praga, ma dato che ogni team è libero di scegliere da sé l’itinerario, la ciurma partirà da Trento e raggiungerà innanzitutto la Romania per una festa con gli altri partecipanti del rally per poi proseguire verso Ulan Bator, la capitale della Mongolia.
Un modo diverso e decisamente avventuroso di passare l’estate, aiutare gli altri e mettersi in gioco a 360 gradi in un contesto molto diverso dalla vita di tutti i giorni, una sfida molto impegnativa prima di tutto con sé stessi e con un ambiente selvaggio e non sempre ospitale dove gli imprevisti sono assicurati e messi in conto come parte integrante del rally, –“dicono che se non si rompe la macchina almeno una volta è come se non avessi fatto il Mongol Rally”.
Delle 1000 sterline raccolte da sponsor e sostenitori, metà verranno donate di regolamento all’associazione Cool Earth che si occupa della conservazione della foresta pluviale in Perù, mentre l’altra metà potrà essere donata dai team ad una onlus a scelta. La Ciurma Mezzabotte ha scelto la  comunità di Camparta, nel comune di Meano, vicino a Trento, che ospita persone tossicodipendenti e le aiuta ad uscire dalla dipendenza e a riappacificarsi con il loro passato per ricominciare a vivere. Tutti quanti possiamo contribuire a questo progetto come sostenitori donando a questo link e scegliendo i gadget del team.
Oltre all’obiettivo principale della beneficenza, i ragazzi hanno in ballo un progetto fotografico: fotografare i volti delle popolazioni incontrate durante il viaggio ma in un modo un po’ particolare.. stay tuned per scoprire esattamente in che cosa consisterà!
Siete tutti quanti invitati alla festa per la partenza della ciurma che si terrà al bar “Uva e menta” vicino a Piazza Fiera domani, 11 luglio, verso l’ora di cena con musica, cibo, birra e tanto divertimento. In questa occasione, potremmo anche vedere la super macchina, comprare i loro gadget contribuendo con una donazione  e augurare buona fortuna ai ragazzi! Sarà una festa in grande, non mancate!
Per saperne di più su di loro e sul loro percorso e rimanere aggiornati sul loro viaggio non vi resta che seguirli su tutti i social!

Per info più dettagliate e donazioni: https://www.produzionidalbasso.com/project/una-mezzabotte-di-beneficenza-mongol-rally-2018/

Instagram: https://www.instagram.com/ciurmamezzabotte

Facebook: https://www.facebook.com/ciurmamezzabotte

Sponsor:Uva e Menta, DeBaser, Tecnodue, Autofficina Orlando, Libreria Viaggeria, Feller Onoranze Funebri, NordStudio, Seriousgrafia, Samutojj.com, Birrificio Rethia, Euromix Motors s.p.a, Aseptic Tattoo studio, Carrozzeria Monza, TeamCar, Demolauto Padergnone, Carpenteria Tomasi Arnaldo, Centro Trentino Tirabolli, Pneus Center Lavis, Circolo Culturale Arsenale.

Post correlato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *