Giovani burkinabé schierati contro la violenza di genere

Giovedì 13 settembre 2018 è il giorno in cui l’associazione EducommunicAfrik ha ufficialmente lanciato una campagna digitale contro le violenze subite da donne e ragazze a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso.

Durante i quindici mesi della sua prevista durata (dal settembre 2018 al dicembre 2019), il progetto si concentrerà su cinque tematiche chiave: esclusione sociale delle donne accusate di stregoneria; spose bambine; rapimenti delle giovani; mutilazioni genitali femminili (MGF); rifiuto della scolarizzazione femminile (o dispersione scolastica). Ad ognuna di queste problematiche saranno dedicati tre mesi della campagna – tre mesi nei quali avranno luogo numerose iniziative d’informazione, educazione e comunicazione interamente pensate e realizzate da 12 giovani volontari di EducommunicAfrik.

L’intenzione di EducommunicAfrik è coinvolgerli appieno nella lotta in difesa e supporto delle loro madri, sorelle, amiche. Soprattutto perché quei giovani volontari si sono candidati spontaneamente per partecipare al processo: hanno pertanto scelto di non restare neutrali, di non tacere di fronte alle violenze a cui le donne sono quotidianamente sottoposte.

Potete seguire la campagna digitale sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/Peer2PeerDigitalChallenge/
EducommunicAfrik ha aperto un dialogo con altre associazioni africane di giovani che si dicono disponibili e desiderose di attivare subito il progetto nei loro rispettivi Paesi.

Post correlato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *