Joy: la sua voce è una bomba, ma anche la sua storia.

Oggi vi raccontiamo un incontro speciale: una bellissima chiacchierata con Joy, ragazza nigeriana e albina. Joy vive a Trento, dove si è trasferita dalla Nigeria da un anno e sei mesi. In Italia, frequenta il primo anno nella facoltà di Giurisprudenza. Oltre alle Scienze Giuridiche, Europee e Transnazionali, ha due altre passioni: la musica e la scrittura che cerca di vivere anche come artista.

Il suo colore di pelle bianco candido ci ha incuriositi – motivo per il quale ci siamo permessi di farle alcune domande. Qui, Joy ci racconta un po’ di sé e di cosa significhi essere una minoranza in Nigeria.  

Joy, raccontaci un po’ del tuo paese, la Nigeria.
La Nigeria è un bellissimo paese! In tutti i paesi del mondo ci sono lati positivi e lati negativi, ci sono persone gentili e persone meno gentili.  

Com’è la mentalità del tuo paese? Sono molto religiosi?

Si e no. In Nigeria abbiamo tre religioni principali. Ci sono persone cristiane, musulmane e quelle che praticano religioni tradizionali. Poi ci sono tante culture. Ci sono 420 dialetti e ogni dialetto ha la sua cultura.

Dove sei nata di preciso?

Sono nata a Lagos, ma sul mio certificato di nascita c’è scritto che sono nata a Benin City. Scrivono dove vivi e non dove sei nata.

Ma Joy, una cosa ci stupisce: pensavamo di vederti nera, ma invece…  

Invece si, sono bianca! In Nigeria l’albinismo non piace a tutti, credono a cose strane sugli  albini. Ci sono stereotipi e anche un po’ di razzismo. Ma le persone che hanno ricevuto un certo tipo di educazione sanno bene che l’albinismo è causato dall’assenza di melanina, non è una malattia.

Questi pregiudizi erano presenti anche a casa tua?

No, nella mia famiglia no! Siamo molto uniti. Ma fuori casa è sempre stato molto difficile, ad esempio a scuola.

Solo con i tuoi coetanei o anche con i professori?

Con tutti, con i bambini, con i professori e con tutta la comunità. Gli albini in Nigeria non sono sostenuti, non hanno niente oltre che la loro famiglia. E non la famiglia intesa come cugini e zii: la famiglia ristretta, ovvero i miei genitori e i miei fratelli.

E tu hai conosciuto altri albini in Nigeria?

Sì: mia sorella. Oltre a lei, nessun altro.

E come ti sentivi? Ti sei mai sentita inadeguata?

A scuola ero molto timida, parlavo solo se avevo bisogno di qualcosa perché, altrimenti, venivo giudicata. Ero l’unica albina in classe. Non è stato facile.

Cosa facevi quotidianamente in Nigeria?

Di solito stavo sempre a casa, mentre i miei fratelli uscivano. È sempre stato difficile per la mia famiglia con due ragazze albine. I miei genitori dovevano cambiare spesso lavoro e casa. Mio padre ha dovuto comprare una casa grande, in modo tale da avere spazio sufficiente per far giocare me e mia sorella dentro casa. I miei genitori hanno dovuto sacrificare tanto per noi. La mia priorità, ora, è renderli fieri di me.

Questo rapporto difficile con la tua comunità è stato uno dei motivi che ti ha spinta a venire in Italia?

Sono in Italia per vivere ciò che la vita riserva per me. In Nigeria sono stata vittima di discriminazione e quando sono arrivata in Italia la disuguaglianza verso me è cambiata. Qui, sono vittima di un altro tipo di ineguaglianza. Ci sono diversi tipi di discriminazione nel  mondo. Ma io credo che se qualcuno è diverso da me, non importa. Ognuno dovrebbe poter vivere come vuole.

E stai vivendo come vorresti?

Certo che sì. Sono qua da solo un anno e sei mesi e ho già fatto un sacco di cose. Ho anche scritto un libro.

E quale è il tuo genere di scrittura?

Scrivo di cose che succedono a me e nel mondo.

Cosa pensi di fare dopo l’università? Vorresti tornare in Nigeria?

Non sono una persona a cui piace pianificare. Cerco di vivere la vita senza stress.Tra 15 o 20 anni, forse tornerò in Nigeria. Voglio cambiare le cose, difendere i diritti umani pressoché inesistenti nel mio Paese. Ma non lo so… vivo la mia vita come se dovessi morire domani.

Post correlato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *