Fa’ la cosa giusta! 20-21-22 ottobre, Trento Fiere – More clay less plastic

A giudicare dall’affollamento anche quest’anno la mostra mercato dell’economia solidale “Fa la cosa giusta!” è stata un successo. Più di duecento stand nei 5000 mq messi a disposizione da Trentino Arcobaleno e Trento Fiere – gli organizzatori dell’iniziativa che si è svolta questo week-end ed è giunta ormai all’ottava edizione. La parola chiave dell’evento è “sostenibilità”: stand di eco-prodotti e di associazioni, ma anche laboratori e seminari tutti uniti nell’idea che vivere  con un maggior rispetto per la nostra salute e quella del pianeta e degli animali che lo popolano è possibile e necessario.
Tra le moltissime esposizioni era presente anche la mostra internazionale itinerante di ceramica funzionale “More clay less plastic” un progetto nato nel 2014 su Facebook, che oggi registra amici da più di 78 Paesi in tutto il mondo.  La fondatrice, Lauren Moreira, mi ha spiegato che il messaggio che lei e i suoi sostenitori cercano di far passare è molto semplice “più argilla e meno plastica”, sostituendo un oggetto in plastica con uno di ceramica possiamo davvero fare la differenza e cominciare una rivoluzione che sembra quanto mai urgente visti i dati preoccupanti sul consumo di plastica e i danni che questo sta producendo al pianeta. Si stima infatti che 8,8 milioni di tonnellate di plastica finiscano negli oceani ogni anno, inquinando i fondali e finendo negli stomaci di tartarughe, pesci e uccelli marini, risultando spesso letali. Studi recenti rivelano inoltre che i pesci della costa ovest degli Stati Uniti ingeriscono più di 12.000 tonnellate di plastica all’anno, plastica che attraverso di loro finisce anche nei nostri piatti e dentro di noi.
L’obiettivo di “more clay less plastic” è la sensibilizzazione verso questa problematica. L’invito rivolto a tutti è quello di ripensare i nostri oggetti di uso quotidiano e cercare quanto possibile di preferire altri materiali più sostenibili, come per esempio la ceramica, alla plastica.

Post correlato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *