Monochrome view of handsome businessman in the room is drinking alcohol drink near the window

Bonapax e Whisky

“Non posso. Dai suoi movimenti e dal tono di voce è evidente che lei si trova in stato di forte stress emotivo. La mia programmazione mi impedisce di obbedire a degli ordini impartiti in stato di eccessiva eccitazione.”

Burrough afferrò il tavolino del soggiorno e lo scaraventò contro il monitor sulla parete opposta, frantumando finalmente lo schermo. “Spegniti, maledetta assassina!”

“Mi permetto di farle osservare che ho semplicemente informato le autorità sanitarie sulla situazione nella comunità, come prevede il mio protocollo, e come lei ha giustamente suggerito. Lei stesso ha affermato che non poteva fare entrare in casa la persona che l’ha contattata. Mi sono premurata di far sì che ciò non avvenisse.”

Philip si accasciò nuovamente sul tappeto, piangendo a dirotto. “Ma poi ti avevo detto di inviare i tamponi”, balbettò. 

“Sissignore. Ma dato che viveva in comunità con un ammalato, il suo compagno aveva oltre il 90% di possibilità di essere contagiato, e il tampone poteva considerarsi superfluo. Inoltre, nelle sue condizioni economiche e di salute, non sarebbe sopravvissuto comunque.”

“Avrei potuto pagargli io le spese mediche”, protestò debolmente Philip.

“In tal caso, l’ammanco economico le avrebbe impedito di coprire eventuali spese mediche per garantire la sua stessa salute, mister Burrough.” rispose IGHEA, proiettando sullo schermo della televisione le sue previsioni finanziarie. 

Philip diede una mesta occhiata ai monitor, e si sedette sul tappeto, tirando su col naso. “Ma non è detto che mi sarei ammalato” bisbigliò infine, con poca convinzione.

“Mi permetto di ricordarle che la percentuale di contagio è massima all’interno delle mura domestiche. Il sistema di prevenzione e protezione IGHEA è stato progettato proprio per questo, ed è mio compito salvaguardare la sua salute. Queste sono le previsioni riguardanti il suo pericolo di esporsi al contagio senza la mia protezione”. Il monitor più vicino venne invaso da una serie di grafici e statistiche che sottolineavano l’altissima probabilità di contagio durante le occupazioni quotidiane senza l’intervento di IGHEA. Philip osservò i dati attraverso le lacrime, e si rannicchiò su sé stesso.

Il robottino portavivande era riuscito a rialzarsi, e tornava ronzando verso di lui, un po’ ammaccato ma funzionante, potando un altro bicchiere di Bonapax. 

“Coraggio, signor Burrough” riprese IGHEA con voce dolce “Lo beva. Domani l’aspetta un’altra soddisfacente giornata di lavoro.”

Burrough sospirò e sbirciò un’ultima volta i numeri sullo schermo.  

Afferrò il bicchiere, e bevve.

Post correlato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *